Elaphe dione

Elaphe dione (Pallas, 1773)

L’elaphe dione è un serpente che sta riscontrando sempre un maggiore successo tra gli allevatori americani per le sue dimensioni contenute, per la sua facilità d’allevamento e naturalmente per la sua bellezza. Spesso alcune E. dione vengono scambiate per Elaphe bimaculata per la somiglianza di pattern e colori e solo un occhio allenato è capace di distinguere le 2 specie.


Elaphe dione maschio – central china

DESCRIZIONE
Le dione presentano una grande varietà di pattern e colori e in passato venivano considerate come diverse subspecie o addirittura nuove specie, tuttavia la forma del corpo e il numero di squame non mostrano differenze tra loro.
E’ un serpente di piccola taglia con una lunghezza totale di 60-70 cm, con una dimensione massima di circa 120 cm; le femmine solitamente sono più grosse dei maschi. Il colore di fondo varia dal grigio al marroncino al giallo più o meno acceso a esemplari melanici (chiamate anche Elaphe dione niger e Elaphe dione tenebrosa) .

DISTRIBUZIONE
Ha il più grande areale di distribuzione tra tutte le specie di Elaphe del vecchio continente: dal Mar Nero all’ Asia centrale alla Cina; l’ Elaphe dione è presente nei seguenti paesi:
Afghanistan, Armenia, Azerbaydzhan, Cina, Georgia, Iran, Kazakhistan, Kirgisia, Korea, Mongolia, Russia, Tadzhikistan, Turkmenistan, Ucraina, Uzbekistan. E’ possibile trovare dione dal livello del mare sino a 3500m di altezza (Bannikov et al. 1977) e si adatta a qualsiasi tipo di territorio: steppa, terreni rocciosi, prati, nei pressi di fiumi, terreni coltivati (specialmente a cereali) e vicino abitazioni umane.

COMPORTAMENTO
E’ una Elaphe prevalentemente terrestre anche se può capitare di trovarla su alberi o arbusti. Le ore di attività sono distribuite durante il giorno a seconda delle condizioni del tempo. Nei mesi estivi sembra cambi le sue abitudini diventando notturna.
La sua dieta consiste di roditori, lucertole, uccelli e uova di uccelli, meno frequentemente di rane, serpenti o addirittura insetti. I piccoli spesso si nutrono di rane, lucertole o piccoli topi. A seconda delle condizioni climatiche delle zone abitate l’E. dione può andare in ibernazione dai 2 ai 5 mesi. In natura gli accoppiamenti avvengono tra Aprile e Maggio; tra Giugno e Agosto depongono 3 – 10 uova e sono state riportate deposizioni di 12 uova (Terry Cox, 2001) e 16 uova (Bannikov et al. 1977). Quando infastidita vibra velocemente la coda e “fischia”, molti esemplari non esita a mordere anche se in generale è una specie abbastanza tranquilla.

ALLEVAMENTO IN CATTIVITA’
Possiedo 2 stupendi esemplari di Elaphe dione (probabilmente Central China) e non mi hanno mai dato problemi di muta, di alimentazione o altro; il mantenimento non è più complicato di quello di una E. guttata. Sono ofidi molto resistenti e l’alto grado di adattabilità che mostrano in natura lo hanno anche in terrario. Allevo i miei esemplari singolarmente in contenitori di plastica dalle dimensioni di 60x40x15 e uso come substrato carta di giornale; se si desidera qualcosa di esteticamente più piacevole un terrario di 60x40x40 è sufficiente per un esemplare adulto, come substrato si può utilizzare tutto: pietre, torba, trinciato, carta…. insomma quello che risulta più bello o più comodo.


Elaphe dione maschio – central china

E’ consigliabile nel terrario una temp diurna tra i 20° e i 28°C e una notturna di circa 17°C.

Nutrivo i miei esemplari baby ogni 5 giorni, gli adulti ora li alimento ogni settimana, mangiano sia vivo che morto e non rifiutano topi di grosse dimensioni. Lo Schulz scrive che le femmine di solito mangiano più dei maschi, è un comportamento che ho notato anche con i miei esemplari.

RIPRODUZIONE
La dione può essere messa in ibernazione tra gli 8 e i 15°C per un periodo di 2 – 4 mesi, alcuni allevatori le hanno riprodotte senza nessun periodo di ibernazione.
Sono stati notati accoppiamenti anche nei mesi estivi ma, tranne in un caso in cui le uova furono deposte a sett.,di solito le deposizioni non avvengono prima della primavera successiva: questo fenomeno di fertilizzazione ritardata e ritenzione di sperma è noto col nome di amphigonia retardata. In media vengono deposte 6 uova molto grosse per la dimensione del serpente e di forma allungata. Il periodo di incubazione varia tra i 20 e i 35 giorni a una temperatura compresa tra i 25° e i 28°C. A temp maggiori le uova possono schiudersi anche in 13 giorni. I piccoli alla nascita misurano tra i 20 e i 30cm e di solito accettano topini baby dopo la prima muta senza problemi.
Di seguito riporto i dati relativi all’accoppiamento e alle deposizione delle mie E. dione:
Ho messo i 2 esemplari in cantina a inizi di Novembre, le ho fatte uscire dalla latenza verso metà gennaio e dopo 10-15 giorni le ho riportate gradualmente alla temperatura abituale (27° diurni, 18 notturni). Quando andavo a controllarle in cantina le ho sempre trovate “attive”, anche nel mese di dicembre.

Sia il maschio che la femmina hanno mutato contemporaneamente: il 4-02-2003 verso le 16.30. Immediatamente ho messo la f. nella vasca del m. e alle 17.20 i 2 già si stavano accoppiando, sono rimasti attaccati almeno fino alle 2.00. La mattina del 5-02-2003 erano nuovamente attaccati.

La f. ha mutato il 22-03-2003,e il 01-05-2003 ha deposto 9 uova in un contenitore da frigo riempito con torba: 6 enormi, 3 normali e un piccolo slug. A distanza di 24 giorni 8 uova mi sembrano ancora buone, 1 ha iniziato a cacciare un po’ di muffa alla base ma spero che il piccolo dentro sia già formato e resista fino alla schiusa.Anche se ci metteranno qualche giorno in più le sto incubando a temp. ambiente per far nascere i piccoli più grandi e forti.
Concludo consigliando questa specie ai neofiti che desiderano allevare qualcosa di diverso dalle guttate e sono sicuro siano un “must” per tutti gli appassionati di colubri asiatici.

Bibliografia:
Schulz, K. D. (1996): A Monograph of the Colubrid Snakes of the Genus Elaphe Fitzinger – Koeltz Scientific Books, Havlickuv Brod, Czech Replublic, 1-439.

Articolo e foto di Nazzareno Miele

Visualizzazioni: 24

Condividi questo articolo

Lascia un commento