Hierophis viridiflavus

SERPENTI ITALIANI
www.serpentipedia.it
Hierophis viridiflavus (LACÉPÈDE 1789)

Nome Comune : Biacco

Sub Ordine : Serpenti – Famiglia : Clubridi

Sottospecie :
Coluber viridiflavus carbonarius
Sinonimi :
Haemorrhois viridiflavus
Coluber viridiflavus -SCHÄTTI & WILSON 1986
Hierophis viridiflavus – ENGELMANN et al 1993
Coluber viridiflavus carbonarius
Hierophis viridiflavus carbonarius
Coluber viridiflavus viridiflavus (LACÉPÈDE 1789)
Hierophis viridiflavus viridiflavus (LACÉPÈDE 1789)
CARATTERISTICHE
Lunghezza: 120-150cm, fino a 200cm. Si tratta di un grande serpente, dalla testa piccola e dal corpo molto snello. Sebbene all’occorrenza si riveli molto mordace, non si tratta di un rettile velenoso, e quindi è da ritenersi totalmente inoffensivo per l’uomo. Le popolazioni distribuite nel nord Italia costituiscono la varietà melanotica della specie, che altrove presenta una colorazione molto appariscente, che gli ha conferito il nome di colubro giallo e verde. Questa colorazione originaria, tuttavia, persiste sino al terzo anno d’età in tutti gli individui giovani, che appaiono quindi di colore bruno con eleganti striature longitudinali verdastre e macchie gialle che si intensificano nella regione del capo. Oltrepassati i tre anni di vita il dorso diviene completamente nero, mentre il ventre presenta una colorazione bianco-giallastra, senza macchie. Gli occhi sono molto grandi, con pupilla nera e sclera dorata. La coda, come negli altri colubridi, si assottiglia progressivamente.
DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA ED HABITAT
Il biacco è diffuso in tutta Italia, isole comprese, fino ad oltre 1500m. Popola una vasta gamma d’ambienti, che vanno dalla macchia mediterranea, ai boschi, alle pendici rocciose. Si spinge anche a ridosso di insediamenti umani, come frutteti, vigneti e cascine.
ALIMENTAZIONE, COMPORTAMENTO, RIPRODUZIONE
Il biacco si nutre di una grande varietà di animali: lucertole e piccoli roditori sono tra le più comuni, ma di tanto in tanto integra la sua dieta con nidiacei, uova di volatili e, talvolta, anche pesci. Le sue discrete dimensioni gli consentono di attaccare anche prede di grandezza considerevole, quali ratti, ramarri, orbettini e persino vipere. ‘ un animale agilissimo, tanto a terra, quanto in acqua. Ama trascorrere gran parte del suo tempo attorcigliato tra i rovi o tra i rami di qualche cespuglio, il che ne fa una specie prettamente arboricola. E’ un serpente molto irritabile, e, seppure innocuo, se molestato tenta ripetutamente di mordere l’invasore. La latenza invernale coincide con il lasso di tempo che va da Novembre a marzo, e dopo i primi tepori primaverili ha luogo la riproduzione: la femmina, verso la fine di giugno, depone sotto qualche anfratto, o in cavità sotterranee, un numero di uova che va da otto a dodici. La schiusa avviene verso la metà di agosto, e alla nascita i piccoli colubri misurano circa 25cm, nutrendosi prevalentemente d’insetti e lucertole. E’ severamente protetto in tutto l’areale di distribuzione italiano.
Scheda a cura di Francesco Balbini

Visualizzazioni: 4